venerdì 9 settembre 2016

[Armocromia] - Come è Cambiato il mio Approccio agli Acquisti

Nel precedente articolo riguardo la mia decisione di approcciarmi all'armocromia vi ho parlato della ragione per la quale ritengo utile conoscere la propria stagione di appartenenza.
Oggi voglio raccontarvi perché, come e quanto sono cambiati i miei acquisti. Poiché già vi dissi che a livello di vestiario anche prima acquistavo per lo più colori che ho poi scoperto essere indicati per la mia stagione (Inverno Profondo Soft), mi limiterò a dirvi come va per quanto riguarda il trucco.

Fonte: boorp.com
Inizio col dire che fino ai primi giorni di marzo di quest'anno sono stata molto indisciplinata. Poiché ho sempre avuto un approccio al trucco molto libero, tendevo ad acquistare qualsivoglia tonalità mi piacesse, senza prendere troppo in considerazione il fatto che potesse starmi bene o male.
Salvo poi rendermi conto solo a posteriori che certe tonalità mi penalizzavano, non mi ci vedevo, non erano affini ai miei colori sebbene lo fossero con la mia personalità.
Per un certo periodo di tempo ho indossato tutto comunque. Se un giorno desideravo andare in giro con un rossetto fucsia molto acceso lo facevo, a prescindere dal fatto che potesse essere poco consono o che addirittura mi accendesse come un faro facendo scomparire tutto il resto del mio viso e della mia persona.

Il momento in cui ho capito che qualcosa non andava è stato quando prima di Natale dello scorso anno mi sono auto-regalata buona parte della Collezione Artika di Nabla. Collezione che ho apprezzato molto per concept, colorazioni scelte, qualità dei prodotti.
Il problema è che la maggior parte di essa non mi valorizza.
Husky è una meraviglia ma su di me risulta chiaro e slavato. Birki è un perfetto color carne ma su di me non si nota neppure, posso usarlo solo come base per altri ombretti. Chatter Mark può andar bene, ma non è di certo il top su di me e non è il primo che sceglierei di indossare qualora volessi sentirmi bella, forse proprio per quel riflesso azzurro che un po' stona. Frozen posso usarlo solo come punto luce perché a tutta palpebra mi fa sembrare un cadavere ben illuminato. Circle va bene sulla piega ma una volta che l'ho sfumato si perde, nessuno dirà mai che sul mio viso c'è anche quel bel rosa antico opaco. Io stessa fatico a ritrovarlo. Veniamo poi ai rossetti. Rock 'n nude è grigiastro e quella nota mi rende malaticcia, anziché aggiungere qualcosa al mio viso mi toglie freschezza e vitalità. Cosmic Dancer è infinitamente cupo, assolutamente poco indicato per me.
Alla fine della fiera mi feci un regalo di oltre 80 € e quanti di questi prodotti vengono realmente utilizzati in modo continuativo? Quanti di essi mi hanno recato una soddisfazione duratura? Quali riacquisterei ancora oggi? Solo due: il rossetto Kernel e l'ombretto Water Dream.
Avete idea di quanto avrei risparmiato qualora avessi acquistato solo quello che realmente poteva andarmi bene? Un sacco di soldi. Soldi che avrei potuto utilizzare in altro modo. Un modo qualunque, ma certamente migliore.

E' stato allora che ho capito che no, non avrei di nuovo ceduto all'acquisto impulsivo e compulsivo di prodotti che mi piacevano sulla carta ma che non mi avrebbero valorizzato in alcun modo.
Ho sempre detto di non essere una collezionista perché con il make up io voglio divertirmi e non tenerlo in un cassetto. Ma non c'è divertimento che tenga nel momento in cui qualcosa non riesco ad indossarlo per le più disparate ragioni.

L'Armocromia mi sta aiutando a sviluppare un po' di occhio, quella capacità che va oltre le mode, le nuove collezioni, la voglia di possedere qualcosa solo perché a conti fatti ha un bel colore.
Non me ne faccio niente di un bel rossetto che non indosso mai. Quello che voglio ora è poter indossare un make up che mi valorizzi, che mi faccia sentire bene con me stessa, che non mi tolga nulla.

Com'è cambiato, dunque, il mio approccio agli acquisti?
Se prima acquistavo quello che mi piaceva, ora cerco di comprare ciò che mi sta bene. Lo so che può sembrare scontato ma vi assicuro che non lo è per tutti. E che, certamente, non lo era per me.
Evito di guardare i rossetti aranciati, quelli troppo chiari che poi sul mio viso appaiono smorti, le tonalità che virano troppo al marrone. Evito le tonalità spiccatamente calde o quelle troppo accese. Per quanto riguarda gli ombretti, poiché ne ho tanti, cerco di utilizzare unicamente quelli che ho evitando di innamorarmi di nuove palette, nuove collezioni, nuovi colori che magari stanno tanto bene ad un'amica o ad un'altra blogger ma che so già cozzerebbero su di me.
Le caratteristiche principali della mia stagione armocromatica sono la profondità ed i toni scuri un po' smorzati. Al posto di un blu elettrico devo preferire un blu scuro. Al posto di un fucsia meglio un color bacca. Il verde oliva mi fa impazzire? mi sta meglio un verde bosco o un petrolio, inutile incaponirsi.

Fonte: deviantart.com

Quando entro nei negozi ora cerco di evitare l'acquisto compulsivo di tonalità belle a livello oggettivo ma non belle su di me. Sto finalmente entrando nell'ottica che ho dei punti di forza e che è su quelli che devo insistere, evitando di imbruttirmi con tonalità che magari stanno tanto bene a una ragazza bionda, rossa o con l'incarnato caldo ma non sul mio viso e sulla mia pelle.
A conti fatti, credo che l'Armocromia mi abbia cambiato. In meglio.

12 commenti:

  1. Buongiorno Damina.
    Devo proprio prendere atto di questo tuo passaggio, mannaggia :)..Dico mannaggia perche' a me la cosa dispiace, fermo restando che se tu ti senti meglio sicuramente va bene cosi'.
    Pero' non posso nasconderti il rammarico nel leggere il pensiero sull'ombretto verde oliva, per esempio. Io che negli anni te l'ho sempre visto indossare e amare, e che sinceramente ti ho sempre visto molto bene...
    Vorrei dire tante cose, ma sarebbe inutile. Per quanto la cosa mi amareggi, il fulcro del discorso resta che sei piu' felice. E anche se continuo a pensare che l'armocromia dovrebbe essere vista al massimo come un modo per capire come far funzionare su di se' i colori che ci stanno peggio (abbinandoli ad altri che ci donano: io cosi' riesco davvero a usare pressoche' tutto cio' che negli anni ho comprato), se tu hai deciso solo di puntare su cio' che ora ti fa sentire sicura, bhe', ok cosi'.
    Solo, col tempo, spero non ne verrai troppo assorbita, e non inizierai a usare troppo spesso termini come "semaforo", che mi urtano in modo enorme...
    Insomma, spero di non averti offesa, e sicuramente cerchero' di concentrarmi sempre su quanto detto: se Dama sta meglio, va bene.
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tyta :)
      Mi vedevi bene perché non mi vedevi a viso intero. E non dico che non lo indosserò più, ma che certamente non ne acquisterò altri. Preferisco spendere in qualcosa che mi piace e mi fa sentire bene, piuttosto che per qualcosa che resta ad ammuffire in un cassetto. Se avessi denaro a non finire magari questo discorso non lo farei neppure ma dal momento che me lo guadagno...preferisco convogliarlo in qualcosa che poi realmente indosso e mi godo.
      Mi spiace molto tu ti senta amareggiata per questa mia scelta ma no, non mi hai offesa, ci mancherebbe. La questione è che nella vita si cresce e se un tempo mi andava bene essere molto colorata, adesso mi vedo meglio in tutt'altra maniera. Se anche non avessi conosciuto l'armocromia, è molto probabile che le cose sarebbero cambiate comunque per questa ragione. Stavano già cambiando, già dopo Natale e con la Collezione Artika.
      Un bacio.

      Elimina
  2. Davvero interessante e utile questo tuo percorso!
    Sono interessata all'armocromia ma non mi ci sono più dedicata, quindi non so ancora a che stagione appartengo! =P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sono contenta ti interessi. Non so se ne parlerò ancora, in fondo quello che mi premeva dire in merito credo di averlo detto nel primo e nel secondo articolo (questo).
      Per quanto riguarda la stagione, non è affatto semplice determinarla da soli. Sempre meglio affidarsi ad un'analista.

      Elimina
  3. L'armocromia ha influenzato talmente tanto il mio gusto personale da volere e comprare solo ed esclusivamente cose che mi starebbero bene. Il risparmio è evidente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei sempre bella ma con i tuoi colori, letteralmente, risplendi.
      E concordo con te sulla questione risparmio.

      Elimina
  4. Sicuramente risparmierai molto ed eviterai acquisti inutili Dama! :)
    Io credo che conoscere la propria stagione possa essere utile per avere la consapevolezza di come apparire al meglio (infatti vorrei farmi analizzare prima o poi), però non credo che farei una scelta come la tua ora come ora perché mi piace sperimentare e non darmi limiti, anche se sicuramente alcuni colori mi stanno meglio di altri! Però capisco il tuo discorso e le motivazioni diatro al ragionamento che hai fatto ;)
    Come è stato scritto sopra, l'importante è che tu ti senta a tuo agio e che tu ti piaccia! Se tu sei contenta il resto poco conta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao BubbleSuze :)
      Io ho sperimentato molto in passato, per anni interi. Era ora per me di darci un taglio e provare un percorso differente. Un percorso che, finalmente, mi sta regalando soddisfazioni di gran lunga maggiori.
      Non voglio incitare nessuno a fare la mia scelta, mi piaceva solo l'idea di parlarvene. Un abbraccio.

      Elimina
  5. Anch'io sono molto più attenta quando devo acquistare cosmetici nuovi, ma nell'abbigliamento non mi sto ponendo limiti...lì guardo più al "mi serve davvero?". Sapere però quali colori mi donano di più é utile, soprattutto nelle occasioni in cui voglio essere perfetta o per avere in casa quei capi o cosmetici su cui posso fare sicuro affidamento in ogni momento. L'armocromia aiuta molto, a me ha aiutato innanzitutto a guardarmi con occhio più attento e valorizzarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che anche per te l'armocromia sia uno strumento utile. Che poi mi pare siamo della stessa stagione, no? :)
      Un bacio.

      Elimina
  6. Mamma che peccato... Tutta la collezione e poterla usare in maniera limitata T_T
    Ti capisco. Io i primi anni di esperimenti con il makeup, quando ancora non avevo la benché minima consapevolezza dei miei punti di forza e dall'armocromia, utilizzavo rosini smorti, verdi oliva e verdi pastello come se fossero la cosa più normale per me. Ovviamente questo nel tempo mi ha fatto capire che certi colori non mi donano neanche da lontano e mi dispiace. Soprattutto per i verde oliva, che a me fanno impazzire, ma non mi valorizzano affatto. Con i rossetti è stato diverso fin da subito, perché non li utilizzavo granché e quando ho iniziato puntavo su colori naturali tipo mlbb. Ho iniziato ad osare da 3-4 anni a questa parte, ma avendo ormai fatto l'occhio vado direttamente a quelli che mi potrebbero stare.
    Io ultimamente ho toppato un po' con due acquisti: due rossetti malva, ma con all'interno del grigio. Tutto per via delle luci del negozio e di alcuni swatches online in cui il colore era piuttosto falsato. Probabilmente nel caso del secondo rossetto, una buona componente d'errore è dovuta anche al fatto che i colori interagiscono diversamente a seconda di chi li porta, però diciamo che ci sono rimasta malino. Il trucco, per non lasciarli totalmente abbandonati è quello di abbinarli ad altro per scaldarli un filo o renderli più profondi. Di lasciarli inutilizzati lì, non se ne parla proprio.
    Mi piace un sacco leggere i tuoi post sull'armocromia comunque. Perché affronti sempre il tema in maniera intelligente, senza estremizzare, e parlando della tua esperienza personale.
    Bacioni :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille I. :)
      Effettivamente la collezione mi era piaciuta molto e avevo deciso di regalarmela per Natale. Peccato che poi, a conti fatti, quasi nulla mi donasse o potessi indossare ricavandone qualcosa di bello. Sto utilizzando ugualmente i pezzi di tanto in tanto, magari mitigandoli con altra roba in mio possesso, ma ammetto che questa esperienza mi sia servita per decidere di scegliere meglio i miei acquisti da lì in poi.

      Sono felice che questi post sul mio approccio all'armocromia ti siano piaciuti :) non so se ne scriverò altri, al momento mi pare di aver detto tutto quello che mi premeva dire. Bacioni anche a te.

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...