giovedì 11 novembre 2010

Fitocose - Olio di Semi di Lino

Da fitocose.it:
Puro al 100% da coltivazione biologica.
Utile come lucidante e ammorbidente per capelli secchi e sfibrati, per togliere l’effetto crespo e renderli lucidi. Da usare in piccola quantità.
Recensione d'uso:
I miei capelli vanno pazzi per l'olio di karitè, ma ogni tanto fa anche bene cambiare no? provare nuove cose, tentare diversi esperimenti. Ed è con questa prospettiva che ho acquistato l'olio di semi di lino nel mio ultimo ordine Fitocose. Avrei potuto reperirlo di altre marche, ma leggendo i vari inci ho notato che nella maggioranza dei casi non erano puri e magari costavano anche di più. 

La confezione è in vetro scuro, sul davanti troviamo una semplice etichetta disegnata e null'altro. Sotto il tappo nero c'è una seconda protezione in plastica morbida, che evita la fuoriuscita dell'olio durante il viaggio verso le nostre case. E' privo di dosatore, per cui al primo utilizzo ne ho versato un pò troppo, ma già le volte successive sono riuscita a prenderne solo quanto me ne serviva.

A cosa serve l'olio di semi di lino?
- è utile in caso di pelle secca o squamosa dovuta alla psoriasi;
- nutre, protegge e dona lucentezza ai capelli;
- elimina l'effetto crespo.
Tante buone qualità, dovute all'elevata percentuale di omega 3 presente in questo concentrato vegetale.

Non avendo problemi di psoriasi, ho acquistato questo prodotto specificatamente per usarlo sui capelli.
Si tratta di un olio corposo, ricco, quasi inodore. Anche dopo poche applicazioni la differenza sui capelli si nota: sono più morbidi, hanno un aspetto più vivo e lucente, le punte appaiono piene e per nulla sfibrate. C'è da dire che io cerco di stressare i miei capelli il meno possibile: non li tingo, non uso la piastra, prediligo shampoo ecobio, evito di usare il phon ad elevate temperature. Insomma, cerco di prendermene cura anche al di là di questi impacchi.

Come si può utilizzare?
- Se ne versa una piccola quantità sulla mano e poi la si applica sui capelli. Io lo faccio sulle punte, ma di tanto in tanto può esser buono occuparsi anche della cute, massaggiandola delicatamente. Si lascia in posa il tempo che si vuole, poi si procede allo shampoo. Per un impacco intensivo, si può decidere di coprire tutta la lunghezza dei capelli e lasciarlo per l'intera notte all'interno di una cuffia.
- Si può usare anche come leave-in dopo l'asciugatura. Una goccia o due ben distribuita sulle punte le fa risplendere.
- Si fa un impacco prima di entrare in piscina, tutelando così i capelli dalle aggressioni del cloro.
In nessun caso occorre usare molto olio nè accertarsi che tutti, ma proprio tutti, i capelli ne siano coperti. L'importante è riuscire a inumidire un pochino le punte, almeno una decina di centimetri partendo dal basso. Se se ne mette troppo, si può incorrere nel problema opposto: ovvero seccare ulteriormente il capello, anzichè provvedere a nutrirlo.

Benchè l'olio di semi di lino aiuti a rendere i capelli meno crespi e stopposi, nulla vieta ad una persona con i capelli grassi di utilizzarlo anche per sè.  Spesso si tende infatti a pensare che gli oli vegetali possano peggiorare la situazione, ma non c'è leggenda metropolitana più falsa di questa. Un capello grasso lo è solitamente sulla cute, ma le punte si rovinano come quelle di chiunque altro ed è bene prendersene cura.

Io lo uso almeno una volta alla settimana, tenendolo in posa un'ora, due o tre a seconda del tempo che ho a disposizione. La volta dopo uso invece la mia maschera Yves Rocher , continuando sempre ad alternarli. Devo dire che i miei capelli sono molto più belli da quando ho ripreso a curarli in questo modo. Se ne sono accorte anche le altre persone, dalle quali ho ricevuto bei complimenti.

Lo consiglio a chi:
- ha i capelli secchi, sfibrati, rovinati, fragili, con doppie punte (meglio dare anche una spuntatina);
- fa tinture chimiche, colpi di sole, permanenti, stirature;
- desidera semplicemente prendersi cura della propria chioma.

Non lo consiglio a chi:
- fa l'hennè in quanto gli impacchi di oli tendono a far scaricare prima il colore. Quindi o si rinuncia al rosso splendido dell'hennè oppure alle magie degli oli vegetali;
- ha i capelli chiari, poichè molte persone notano uno scurimento.
In entrambi i casi si possono scegliere altre vie per prendersi cura dei propri capelli, magari con delle maschere specifiche.

In definitiva, posso dire che l'esperimento sta riuscendo in pieno, e che i miei capelli gradiscono questo prodotto anche più dell'olio di karitè. Oltretutto prevedo che durerà una vita perchè ne basta così poco che farà prima ad irrancidire che a terminare.
Io ho recensito questo olio di Fitocose, ma è possibile acquistarne di altre marche e avere gli stessi buoni risultati. Purchè ci si assicuri che nell'inci sia scritto solo Linum usitatissimum seed oil.

SITO WEB: www.fitocose.it
DOVE SI ACQUISTA: sul sito web
QUANTITA': 150 ml
PREZZO: 5,41 €.

15 commenti:

  1. Questo mi sarebbe tornato utile, peccato che ho già modificato l'ordine due volte, alla terza mi uccidono :)
    Al prossimo ordine però lo inserisco :)
    Buonagiornata!

    RispondiElimina
  2. io lo uso da mesi come impacco preshampo e i miei capelli non possono più farne a meno!mi ci trovo benissimo!XD sissy

    RispondiElimina
  3. Anche io faccio impacchi pre shampoo con gli oli vegetali, sto usando l'olio di mandorle dolci e mi trovo benissimo =)! vorrei provare sia l'olio di ricino che l'olio di semi di lino, vediamo se riesco a fare un ordine alla fitocose sono tentata. Comunque vorrei consigliare una cosa, quando si utilizzano gli oli per le maschere è sempre meglio diluirli con dell'acqua distillata per evitare che a lungo andare creino degli effetti indesiderati come capelli stopposi e secchi. :* ad ogni modo ottima recensione mi hai fatto venire voglia di comprarlo eheh!

    RispondiElimina
  4. Se decido di farmeli ricrescere (per ora non rinuncio al mio caschetto) ci faccio un pensierino, anche se faccio l'hennè, non tengo così tanto all'intensità del colore, se scarica un pò prima, pazienza :)
    Grazie per aver sottolineato il particolare sui capelli grassi, almeno non sono l'unica a cercare di far fuori certi luoghi comuni ;)

    RispondiElimina
  5. anche a me piace molto l'olio di semi di lino come impacco pre shampoo, mi ci trovo molto bene

    RispondiElimina
  6. grazie della review, ai miei capelli farebbe sicuramente piacere! =P

    RispondiElimina
  7. @nymphaealba grazie per il consiglio! per quanto riguarda l'olio di ricino è davvero corposo, non tutti si trovano bene ad usarlo sui capelli, anche se per questo utilizzo a mio parere è uno dei migliori. Ti conviene provare, ma semmai usane proprio un goccino...è difficile da mandare via.

    RispondiElimina
  8. bella review, anche se i miei capelli non sono per niente secchi...i tuoi post sono sempre interessanti

    RispondiElimina
  9. si è vero hai ragione, ho sentito che è davvero vischioso, provo a metterne poco poco e magari fare un mix di altri oli (sto ancora sperimentando) :* sicuramente farò qualche ricettina, grazie millissime del consiglio!

    RispondiElimina
  10. anche io l'ho usato in passato,ma non ricordo l'inci, ora ci farò più attenzione! Ottimo post ^_^

    RispondiElimina
  11. Interessante!
    Ho l'olio di semi di lino de I Provenzali, ma mi sembra che sia conservato col BHA (un brutto conservante anche sospetto disturbatore ormonale)... dovrei proprio provare qualche olietto Fitocose, ho sentito belle cose!!! :)

    Grazie!

    RispondiElimina
  12. Io ho i capelli cortissimi, però ogni 10 giorni anche io faccio l'impacco con quest olio, perchè mi piace la brillantezza che gli dona.
    Diciamo che però per lavarlo via non posso utilizzare uno shampoo normale...devo usare uno shampoo un pochino più aggressivo, come quelli della Lush...altrimenti l'olio rimane per friggermi le zucchine in testa!

    RispondiElimina
  13. @Valz anche io uso quello dei Provenzali...non sapevo che di questo conservante, nè dei suoi effetti :-/ alla faccia delle cose naturali...va beh...cose ormai risapute.

    RispondiElimina
  14. @BeautyTools mi hai fatto sorridere quando ho letto delle zucchine in testa:D comunque forse ne metti troppo. Ne basta pochino, e vedrai che l'impacco riuscirà bene lo stesso ma non avrai problemi di risciacquo. Baci.

    RispondiElimina
  15. Anch'io uso l'olio di semi di lino...è diventata una sana abitudine prima di lavare i capelli. Faccio un impacco e li lascio in posa il più possibile, se sono in casa anche ore...il risultato? capelli lucidi e punte nutrite! lo consiglio a tutte...
    se avete problemi di forfora massaggiate senza paura l'olio sul cuoio capelluto, non vi lascia il cuoio grasso, anzi lo purifica!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...